Pomigliano Jazz celebra i suoi primi venti anni con 12 giorni di concerti, performance, guide all’ascolto, spettacoli per bambini, mostre, itinerari turistici ed enogastronomici, dal 29 agosto al 13 settembre 2015.
Tutte iniziative ad accesso gratuito, tranne per 5 dei 13 concerti in programma.

Il festival 2015 consolida la sua formula itinerante di “Jazz in Campania”, facendo tappa in location d’eccezione come il Palazzo Mediceo di Ottaviano, le Basiliche Paleocristiane di Cimitile, l’Anfiteatro di Avella, il Chiostro nel Santuario della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia, i conetti vulcanici del Carcavone a Pollena Trocchia, la Villa Augustea di Somma Vesuviana e, per il secondo anno consecutivo, il cratere del Vesuvio.
Piccoli e grandi tesori di arte, storia e natura che si affiancano alle aree verdi cittadine della Villa Comunale di Casoria, dei Giardini d’Infanzia e del Parco delle Acque a Pomigliano d’Arco.

Annoverato tra le eccellenze culturali della Campania, nonché tra i festival jazz più longevi del Sud Italia, Pomigliano Jazz si conferma un progetto sempre ambizioso e dinamico, capace di rinnovarsi e, cosa non facile, di costruire reti e sinergie per lo sviluppo del territorio. Il tutto coniugando arte, cultura, turismo e sostenibilità.

Gli itinerari turistici gratuiti ci portano alla scoperta dei territori del Vesuviano e dell’Alto Nolano, con una serie di escursioni, visite guidate e due tour con partenza in bus da Napoli.

Il reparto di verdura fresca della bottega "Madre Natura" (ph Gianfranco Adduci)In collaborazione con le condotte Slow Food Vesuvio, Napoli ed Agro Nolano, il festival propone anche gli itinerari enogastronomici “Note di Gusto”, alla scoperta delle biodiversità e delle eccellenze agroalimentari regionali. Il tema di questa edizione sarò lo street food campano.
Previsti anche uno spazio Mercato con produttori di filiera corta e agricoltura biologica ed uno spazio Osteria con degustazioni proposte da chef campani. Ad ogni concerto sarà inoltre abbinato un prodotto tipico locale e sarà possibile degustare i vini prodotti con i vitigni autoctoni campani.
Tra le aziende produttrici invitate per Note di Gusto c’è anche Madrenatura, alla quale abbiamo dedicato un articolo che puoi leggere cliccando qui.

Altra nota di merito, il Festival si impegna ogni anno a diventare sempre più ecosostenibile, con il progetto Green Jazz, attraverso l’uso di materiale riciclati per lo scenografie, stoviglie biodegradabili e compostabili, contenitori per la raccolta differenziata ed altri accorgimenti. La partnership con Blablacar, inoltre, promuoverà il car pooling mettendo in contatto automobilisti con posti liberi a bordo con persone in cerca di un passaggio, per condividere spese ed esperienze

Tour guidati, con bus in partenza da Napoli

Il primo tour si terrà domenica 6 settembre nel Parco Regionale del Partenio, con l’escursione alla scoperta dell’Oasi WWF Montagna di Sopra, a Pannarano (Bn), luogo di grandi paesaggi e floride foreste con faggi, agrifogli, tassi e ontani napoletani. A seguire, visita guidata al noccioleto di Francesco Colucci, con degustazione della pregiata “nux abellana”.

I cognoli del Monte Somma e la Valle dell'Inferno sul Vesuvio (ph Gianfranco Adduci)Il secondo tour si terrà sabato 12 settembre nel Parco Nazionale del Vesuvio, sul sentiero “Valle dell’Inferno”, uno dei più affascinanti del complesso Monte Somma – Vesuvio.
Scopri la bellezza della Valle dell’Inferno con il racconto per parole e immagini di Umberto Saetta, interprete ambientale e guida esclusiva del Parco Nazionale del Vesuvio, cliccando qui.

Escursioni e visite guidate

Si inizia sabato 29 agosto con la visita al Palazzo Mediceo di Ottaviano, in attesa del concerto gratuito di Bobo Stenson trio. Prima castello medievale, poi residenza del casato toscano dei Medici, negli anni ’80 palazzo di Cutolo, oggi sede dell’Ente Parco, il Palazzo regala mille storie affascinanti a chi sa ascoltarle.

Escursione sul cratere del vulcano Vesuvio (ph Gianfranco Adduci)Domenica 30 agosto c’è l’escursione sul cratere del Vesuvio, dove al tramonto si esibirà il trio inedito Maria Pia De Vito, Enrico Rava e Roberto Taufic (a pagamento).
Clicca qui per leggere la nostra guida alle escursioni sul cratere del Vesuvio.

Martedì 1 settembre, a Sant’Anastasia, si visita il Santuario della Madonna dell’Arco, luogo di spiritualità e teatro di uno dei riti più antichi e suggestivi della Campania, quello dei “fujenti”. A seguire il concerto gratuito di Marco Zurzolo con il suo storico progetto “Ex Voto”, accompagnato da Francesco Nastro, Reggie Washington e Giuseppe La Pusata, con ospite il leggendario sassofonista afroamericano Archie Shepp (su prenotazione).

La Basilica "vetus" di San Felice a CimitileVisite guidate alle Basiliche Paleocristiane di Cimitile mercoledì 2 settembre (riservata a chi assiste al concerto di Steve Coleman and Five Elements, a pagamento), venerdì 4 e 11 settembre.
Leggi il nostro articolo per  scoprire la storia delle Basiliche, il loro fascino e le tante leggende ad esse legate.

Sabato 5 settembre si ritorna a Sant’Anastasia per visitare il centro storico e partecipare ad un laboratorio del gusto sul pomodoro del piennolo e sulla papaccella napoletana, presso la vicina Azienda Agricola di Bruno Sodano di Pomigliano d’Arco. Nello stesso giorno, si visitano il centro storico e le preziose Basiliche di Casoria.

Escursione-Conetti-Pollena-ph-Gianfranco-Adduci-2Domenica 6 settembre, ci aspettano i Conetti Vulcanici del Carcavone, a Pollena Trocchia, affascinanti edifici vulcanici che ci restituiscono la storia geologica dell’antico vulcano Somma, da cui è nato il Vesuvio. A seguire le sonorità ricercate e sperimentali dell’Eivind Aarset quartet. La visita ai conetti si ripete domenica 13 settembre.
Clicca qui per leggere il nostro articolo sul sito dei Conetti di Pollena Trocchia, .

Martedì 8 settembre, tutti a scoprire il Museo di Arte Contemporanea CAM di Casoria, dove la sera si terranno la performance di musica e danza con Arundo Donax e Movimento Danza Squad, ed il cookin’ dj set di Don Pasta, improvvisazione di cucina a ritmo di musica, contro regole e concetti imperanti della grande industria alimentare.

Giovedì 10 settembre, per chi acquista il biglietto del concerto di Enrico Pieranunzi e Gabriele Mirabassi, visita guidata agli scavi della Villa Augustea, a Somma Vesuviana. Gli scavi, tuttora in corso, hanno rivelato la parte iniziale di una grandiosa villa che alcuni storici attribuiscono all’imperatore Augusto. La visita si ripete liberamente sabato 12 settembre, accompagnata dal laboratorio del gusto “La rivoluzione in un seme – impariamo a conoscerli”, a cura dell’agronoma Patrizia Spigno.

Sabato 12 settembre, si ritorna a Pollena Trocchia per passeggiare nel centro storico e sul percorso delle Briglie Borboniche, parte del grandioso sistema idraulico promosso dai Borbone per incanalare le acque piovane del Vesuvio.
Sabato 12 si visita anche il centro storico di Avella, città ricca di importanti testimonianze storiche e architettoniche. Tra queste spicca l’Anfiteatro Romano, tra i più antichi e grandi della regione, che potrà essere visitato da chi assisterà al concertone finale di Goran Bregovic, a pagamento, domenica 13 settembre.

CLICCA QUI PER INFO E PRENOTAZIONI

Articolo e foto di Gianfranco Adduci
In copertina: il concerto di Galliano sul cratere del Vesuvio, Pomigliano Jazz 2014