Home Ecoblog Madre Natura a Napoli con l’orto biologico

Madre Natura a Napoli con l’orto biologico

Marialuisa Squitieri nella sua bottega Madre Natura

Marialuisa Squitieri ha ereditato un patrimonio dal valore inestimabile.
Dai suoi genitori ha imparato a vivere in simbiosi con la natura, ad armonizzarsi con i cicli della terra, ad amare la diversità dei suoi prodotti.
Cammina scalza nei campi scaldati dal sole e quasi le dispiace recidere un cavolfiore.
Seleziona e custodisce semi di varietà vegetali destinate altrimenti a scomparire, dalle nostre tavole e dalla memoria collettiva.

Marialuisa si definisce una “contadina resistente”, perché la sua agricoltura biologica resiste alle produzioni intensive di massa, preferisce la qualità alla quantità, non usa OGM né prodotti chimici, si oppone allo sfruttamento dei terreni e del lavoro.
Cavolo torzella da agricoltura biologica (fonte: www.sito.regione.campania.it)La sua impresa agricola continua una lunga tradizione familiare a Poggiomarino, comune situato alle falde del complesso Monte Somma-Vesuvio e a margine della valle del Sarno.
In un territorio tanto fertile quanto aggredito, la sua attività diventa un presidio importante contro il cemento ed ogni sorta di inquinamento.

Marialuisa ha poco più di 30 anni ed è laureata con lode in Storia Medievale.
Ha rinunciato all’affannosa ricerca del “posto fisso” e, soprattutto, ha rinunciato alle costrizioni di un lavoro d’ufficio.
Ha spiegato ai genitori le sue scelte e li ha convinti ad usare i metodi di coltivazione biologica.
Oggi gestisce una bottega di frutta e verdura nel centro storico di Napoli, denominata “Madre Natura”, dove diffonde a cittadini e turisti i saperi antichi della sua famiglia e dei suoi amici produttori.

Piennoli di pomodorino giallo campano (fonte: www.sito.regione.campania.it)In base alla stagione in corso, Madre Natura offre ortaggi unici per sapore nonché aspetto, come la melanzana bianca, il pomodorino giallo, il pisello cornetto, il ravanello lungo, i fagioli a formella ed il cavolo torzella. Tutti ortaggi sfavoriti finora dal mercato, perché difficili da coltivare e meno produttivi di altre specie.
Madre Natura dialoga con i suoi clienti, propone incontri sul consumo consapevole, gestisce gruppi di acquisto solidale, collaborazioni con botteghe di commercio equo, ordinazioni on line e consegne a domicilio in bicicletta oppure tramite mezzi alimentati a metano.

Con questi e altri metodi di vendita diretta, Marialuisa e i suoi collaboratori ottengono il giusto compenso per i produttori ed il giusto prezzo per i consumatori.
Una rete virtuosa, vivace e in progressiva espansione, fatta di relazioni economiche vantaggiose ma soprattutto di gratificanti relazioni umane.
Una storia emblematica, forte per i suoi valori etici e capace di regalarci un prezioso insegnamento: il nostro futuro è nelle nostre radici.

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”4″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails” override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”120″ thumbnail_height=”90″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”20″ number_of_columns=”4″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”1″ show_slideshow_link=”0″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]Articolo e foto di Gianfranco Adduci