Visitare edifici storici, chiese e monumenti passeggiando per i vicoli di antichi borghi della Campania, dove iniziano ad affiorare gli aromi del mosto, del tartufo e delle caldarroste. Camminare lungo sentieri immersi nella natura, attraverso paesaggi incantati avvolti dalla luce languida e dai colori caldi di ottobre. Partecipare ad antiche tradizioni e feste contadine gustando i sapori tipici autunnali.
Ecco i nostri suggerimenti su cosa fare nel weekend 10-11 ottobre 2015 insieme ad altre attività ed eventi gratis che troverai nella selezione seguente.

L'oasi WWF Grotte del Bussento a MorigeratiMorigerati, S. Agata de Goti e Cerreto Sannita saranno i borghi campani protagonisti della Giornata Bandiere arancioni 2015, prevista per domenica prossima 11 ottobre in tutte le regioni italiane.
Le Bandiere arancioni sono il marchio di qualità che il Touring Club Italiano assegna a piccoli borghi dell’entroterra che offrono un’accoglienza di qualità ed ecosostenibile, valorizzando le risorse culturali, paesaggistiche, artigianali ed enogastronomiche del territorio. Storie di luoghi. Storie di persone è lo slogan dell’iniziativa che gli organizzatori presentano come un viaggio “alla scoperta di tradizioni, memorie e sapori dei borghi italiani”. In programma visite guidate gratuite a borghi, chiese, musei e monumenti, passeggiate naturalistiche, laboratori artigianali e spettacoli per bambini.

La pigiatura dell'uva con i piedi a Tufo, in IrpiniaIl nostro percorso attraverso le antiche tradizioni, i sapori e i tesori dei borghi campani, continua in un delizioso paesino irpino, famoso per la produzione del Greco, uno dei vini bianchi più apprezzati in Italia e all’estero.
A Tufo, domenica 11 ottobre, si celebrerà il vino nuovo con la Festa della Vendemmia.
Le attività iniziano la mattina con la colazione del contadino, successivamente, previa prenotazione, si andrà in vigna per assistere alla vendemmia e partecipare ad una lezione di viticoltura, nel pomeriggio inizierà la pigiatura del vino a piedi nudi per la trasformazione dell’uva in mosto e infine si terrà un brindisi collettivo al vino nuovo. Tutto sarà accompagnato da musica, danze popolari e momenti conviviali da condividere allegramente con la comunità locale.

Le castagne di RoccamonfinaSeguendo la scia delle feste tradizionali dedicate ai prodotti di stagione, ci spostiamo nell’alto casertano. A Roccamonfina, sabato 10 e domenica 11 ottobre, si terrà la 39° Sagra della Castagna. Il programma della manifestazione prevede stand gastronomici con prodotti tipici stagionali come le caldarroste e i funghi porcini, spettacoli teatrali di marionette, concerti, convegni, animazione per bambini, laboratori del gusto a cura di Slow Food Massico sulla castagna e il miele di castagna, visite guidate al centro storico di Roccamonfina, un antico borgo adagiato nel cratere di un vulcano.
Oltre a visitare i monumenti e le pregevoli chiese presenti nel centro storico, ti suggeriamo di intraprendere escursioni all’interno del Parco Regionale Roccamonfina Foce del Garigliano, con i suoi numerosi itinerari naturalistici, paleontologici ed archeologici.

Il tartufo di CollianoPassando da una prelibatezza all’altra, giungiamo a Colliano, nell’Alta Valle del Sele, per assistere alla 19° Mostra Mercato Nazionale del Tartufo e dei Prodotti Tipici Locali.
L’aroma intenso e il sapore delicato sono alcune delle peculiarità del tartufo nero di Colliano, noto anche come l’Oro Nero della Valle del Sele, che sarà al centro di analisi sensoriali, dibattiti e confronti tra esperti giunti da tutta Italia in occasione dell’evento.
In programma ci sono spettacoli, mostre, balli, musica, laboratori del gusto, giochi e quest’anno anche una nuova interessante attività: la simulazione della ricerca del tartufo. E’ previsto anche un itinerario enogastronomico e artistico che i visitatori potranno percorrere con la guida di figuranti in costume medievale. Troverai stand con le tipicità artigianali di Colliano, tra cui zampogne, lavorazioni in legno, rame e ceramica e specialità enogastronomiche locali come frutta secca, salumi, formaggi, legumi, miele, frutti di bosco, olio extravergina di olica DOP, e vini DOCG. Potrai, inoltre, assistere a spettacoli medievali, tornei cavallereschi e alla sfida tra le contrade collianesi per aggiudicarsi il premio del Palio del Tartufo.
Ti consigliamo di cogliere l’occasione per scoprire i sentieri naturalistici della Riserva naturale Foce Sele-Tanagro e Monti Eremita, dove nasce il tartufo di Colliano.

Cusano Mutri, edizione 2015 della sagra dei funghiFacciamo un salto dal Cilento al Sannio per il terzo ed ultimo weekend della storica Sagra dei Funghi di Cusano Mutri. Qui avrai l’opportunità di visitare il fascinoso borgo medievale di Cusano Mutri, assaggiare succulenti piatti tipici a base di funghi porcini e partecipare alle tante attività in programma come degustazioni, spettacoli folcloristici, trekking e percorsi avventura nelle Gole di Caccaviola e nelle Gole di Conca Torta.
Scopri tutti i dettagli dell’evento sul nostro articolo La Sagra dei funghi di Cusano Mutri, tra degustazioni, escursioni e percorsi avventura.

Una creazione dolciaria di Cioccolateano, festa del cioccolato a TeanoConcludiamo in dolcezza con Cioccolateano, manifestazione che si terrà il 10 e l’11 ottobre nel centro storico di Teano, un’antica città campana che conserva tracce di una storia millenaria, dal periodo in cui fu capitale dell’antico popolo italico dei Sidicini, passando per l’età romana, fino al 19°secolo quando sul suo territorio avvenne il fatidico incontro tra Giuseppe Garibaldi e Vittorio Emanuele II.
Oltre alle degustazioni dei prodotti di alcuni tra i migliori maestri cioccolatieri della Campania, sono previsti laboratori artistici per i bambini, cooking show, spettacoli di danza, musica e visite guidate gratuite al Teatro Romano, al Museo archeologico e al Museo
Diocesano
.
 
Articolo di GDavide Napolitano