Ecoturismo Campania consiglia vivamente ai suoi lettori di non perdere un importante evento culturale che, senza dubbio, si rivelerà allo stesso tempo divertente, educativo ed utile:
domenica 9 novembre 2014, presso Città della Scienza in Via Coroglio a Napoli, si celebrerà l’edizione 2014 della Giornata Mondiale della Scienza per la Pace e lo Sviluppo.

La Giornata Mondiale della Scienza (World Science Day) è stata istituita dall’UNESCO nel 2001 per promuovere la ricerca scientifica come mezzo di pace, sviluppo sostenibile ed ecocompatibile di tutte le popolazioni e le aree del pianeta.

L’obiettivo della manifestazione è sensibilizzare i popoli del mondo sulla necessità di un progresso armonico dell’economia e della società attraverso un utilizzo consapevole delle conoscenze e dei progressi della scienza.
Grazie alle numerose iniziative organizzate per l’occasione da scuole, università, istituzioni e organizzazioni non governative operanti nell’ambito della cooperazione internazionale, ai cittadini è data l’opportunità di apprendere gli strumenti e le soluzioni più efficaci e innovative per la salvaguardia della biodiversità, per la promozione della pace e della solidarietà tra i popoli e contro lo sfruttamento incontrollato e disuguale delle risorse naturali della Terra.

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Il tema di quest’anno Il mare, il viaggio e l’integrazione sarà dedicato al mare e a quei migranti che lo attraversano con mezzi di fortuna, lasciando i loro paesi di origine e rischiando la vita per sfuggire ai conflitti, alle persecuzioni e alla miseria.

L’appuntamento napoletano, coordinato dalla Fondazione IDIS-Città della Scienza e inserito all’interno della rassegna Futuro Remoto, si presenta con un programma ricco di laboratori, mostre, spettacoli teatrali, musica, danze e incontri con importanti personalità del panorama politico e culturale nazionale come Erri De Luca, uno dei più noti esponenti della letteratura italiana contemporanea.

Articolo di GDavide Napolitano