Home Escursioni e visite guidate Giornate FAI di Primavera e trekking in Campania, 23-24 marzo

Giornate FAI di Primavera e trekking in Campania, 23-24 marzo

Positano, panorama da Montepertuso

Luoghi sconosciuti o solitamente inaccessibili, trekking su monti e vulcani, antichi sentieri di briganti e pastori, panorami mozzafiato e prospettive inedite, passeggiate immersi nella natura e nell’arte.
Ecco la nostra selezione di escursioni e visite guidate in Campania per il weekend 23-24 marzo 2019, organizzate da istituzioni, associazioni e guide.
La primavera è iniziata, è tempo di uscire e ritornare a camminare!

23 e 24 marzo | Giornate FAI di Primavera in Campania
organizzate dal Fondo Ambiente Italiano
L'oasi naturalistica Ferrarelle FAI a Riardo, nell'Alto CasertanoTorna puntuale la fortunata manifestazione del FAI dedicata al nostro immenso patrimonio storico, artistico e culturale.
Da 26 anni, le Giornate Fai di Primavera conducono alla scoperta di palazzi, ville, castelli, luoghi di culti, aree archeologiche, parchi e giardini in tutta la penisola, beni poco conosciuti oppure solitamente inaccessibili, tutti luoghi da tutelare e valorizzare.
L’iniziativa coinvolge oltre 40.000 Apprendisti Ciceroni©, studenti delle scuole secondarie di I e II grado che accompagnano nelle visite.
Per ogni visita è richiesto un piccolo contributo facoltativo a sostegno della missione del FAI.
Tra le visite guidate in Campania, in tema di natura, vi segnaliamo quelle all’Acquedotto Augusteo del Serino a Cesinali (Av), al Parco Sorgenti Ferrarelle di Riardo (Ce), alla Baia di Ieranto sulla costa di Massa Lubrense (Na) ed infine la visita alla Valle del Dragone in Costiera Amalfitana, escursione CAI con partenza da Atrani (Sa).
Clicca sui seguenti link per il programma completo suddiviso per provincia, con tutte le informazioni utili alle prenotazioni:
Giornate FAI di Primavera in provincia di Avellino;
Giornate FAI di Primavera in provincia di Benevento;
Giornate FAI di Primavera in provincia di Caserta;
Giornate FAI di Primavera in provincia di Napoli;
Giornate FAI di Primavera in provincia di Salerno.

23 e 24 marzo | Monte Cervati, due giorni di trekking sul tetto della Campania
organizzato da Vette e Baite ASD
Trekking sul Monte Cervati con la neveDue giorni di trekking sulla vetta più alta della Campania, il Monte Cervati, nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, con pernottamento presso il Rifugio Cervati, a 1599 metri di altitudine. Si parte nel pomeriggio di sabato da Monte San Giacomo per raggiungere il rifugio nella magica atmosfera delle faggete al tramonto. Al Rifugio è prevista una cena davanti al focolare con i tipici ‘sciutta stommaco”, dopo la quale è possibile una passeggiata nella neve con le torce frontali.
La domenica mattina, dopo colazione, sarà invece dedicata alla conquista della vetta del Cervati a 1899 metri sul livello del mare.
info e prenotazioni

23 marzo | L’alto sentiero di Positano – attraversando la montagna bucata
organizzato da Cartotrekking
Trekking alla scoperta di Positano da una prospettiva inedita. Si tratta di una passeggiata naturalistica per ammirare ed “attraversare” la montagna con il buco che regala il nome alla frazione di “Montepertuso”. Da questo affascinante luogo si gode di un meraviglioso panorama dall’alto sul borgo di Positano, con la possibilità di interpretare la natura della valle che lo ospita ed il modo in cui si innesta in uno dei punti più belli della Costiera Amalfitana.
info e prenotazioni

24 marzo | Monte Faito: sulla cresta della Conocchia
organizzato da Metadventures
Panorama dalla cresta della Conocchia sul Faito Escursione guidata sul massicio del Faito, nel Parco Regionale dei Monti Lattari, alla conquista della cresta della Conocchia. Giunti in vetta attraversando faggi secolari ed antiche neviere, un panorama mozzafiato si apre sul mare, sul maestoso Faito, sul Vesuvio e su tutta la costiera.
Lungo il percorso si incontra una bellissima sorgente d’acqua in un antro naturale della roccia. Le guide Marco Zeno e Nadia Esposito, inoltre, vi faranno immergere in un’atmosfera magica con la musica dell’handpan e del flauto traverso.
info e prenotazioni

24 marzo | Tesori dell’alto Casertano: lungo il fiume dell’oblio
organizzato da Salvatore Donatiello, guida Aigae
lungo il fiume Lete sul MateseIl sentiero lungo il fiume Lete, “il fiume dell’oblio” della tradizione greco-romana, è uno dei più suggestivi del Parco Regionale del Matese. L’itinerario attraversa campagne con uliveti secolari e boschi ancora vergini, con scorci suggestivi sul borgo medievale di Prata Sannita. Lungo il percorso si ammirano un bellissimo ponte a schiena d’asino di epoca romana, grotte, mulini e sorgenti.
info e prenotazioni

24 marzo | Corso base di Nordic Walking sul Matese
organizzato da Matese Adventures e Love Matese
Una giornata sul massiccio del Matese per imparare la tecnica corretta del Nordic Walking, ovvero il camminare con i bastoni, coinvolgendo l’intera muscolatura del corpo. Dopo aver imparato le caratteristiche del Nordic Walking, l’attrezzatura, il recupero della camminata naturale, i benefici, l’utilizzo dei bastoncini e gli esercizi per l’apprendimento della tecnica base, il corso si sposta all’aria aperta con un’escursione di circa 2 ore lungo le sponde del Lago Matese. Il corso sarà condotto da istruttori A.S.C./Coni.
info e prenotazioni

24 marzo | Il sorriso di Michela: sui sentieri vulcanici della Brigantessa
organizzato da Metadventures
Briganti a RoccamonfinaTrekking sulle tracce della famosa brigantessa di Mignano Montelungo, Michelina Di Cesare. L’escursione si volge lungo gli antichi sentieri dell’area vulcanica del Roccamonfina, attraversando i boschi e le montagne dove Michelina e la sua banda erano soliti nascondersi. L’itinerario risale il bordo del cratere dell’antico vulcano di Roccamonfina e conduce alle antichissime mura megalitiche dell’orto della Regina (risalenti al V secolo a.c.) tra maestosi castagneti e antiche neviere. In vetta si gode di una vista a 360° che spazia dal golfo di Gaeta fino alla valle del fiume Garigliano.
info e prenotazioni

in copertina: il borgo di Positano visto da Montepertuso (foto di Cartotrekking)