Sabato 11 e domenica 12 luglio 2015, a Solopaca (Bn), si terrà la seconda edizione della Ballata dei Briganti. La manifestazione, promossa dalla Pro Loco Solopaca, si propone di rievocare una pagina importante e controversa della storia del meridione d’Italia, il cosiddetto Brigantaggio.
Quest’anno il tema dell’evento, con il titolo “Per amore e per orgoglio: Brigantesse”, sarà dedicato alla condizione della donna brigante all’interno delle bande brigantesche.

Oltre ad un interessante incontro-studio sul tema, il programma prevede performance musicali con gli strumenti tipici della musica popolare duosiciliana come la tammorra, la chitarra e la fisarmonica, una sfilata di “briganti a cavallo” con costumi d’epoca e un concorso di musica popolare e gruppi folk.

Alcuni dei vigneti della Cantina Santimartini a Solopaca (BN)Non mancherà l’opportunità di assaggiare le pietanze tipiche della tradizione brigantesca, preparate in collaborazione con “Il covo dei Briganti” e il rinomato vino delle cantine solopachesi, precisamente: la Cantina di Solopaca, Santimartini e Masseria Vigne Vecchie.

Scarica la locandina con il programma completo dell’evento

Per info visita la pagina della Pro Loco di Solopaca

Il Palazzo Ducale Ceva Grimaldi a Solopaca (Bn)Da vedere a Solopaca: il Campanile della Chiesa Madre in stile vanvitelliano, ultimato nel 1794 e alto circa 35 metri; la Chiesa di S. Martino che custodisce stucchi, pitture murali a secco eseguite nel 1784 dai pittori Giovanni Bucci e Nicola Ianaro; il seicentesco Palazzo Ducale con la caratteristica facciata a motivi geometrici e floreali, dove nel 1701 fu ordita da alcuni baroni napoletani la Congiura di Macchia contro la dominazione spagnola; il Museo Enogastronomico ospitato nell’ottocentesco Palazzo Cutillo; il Santuario della Madonna del Roseto situato a oltre 600 metri sulla cima del Monte delle Rose, che originariamente nasce come badia benedettina; i resti dell’originario ponte Maria Cristina sul fiume Calore,  intitolato a Maria Cristina di Savoia, moglie di Ferdinando II di Borbone, che rappresenta uno dei primi ponti sospesi presenti in Italia. Costruito in ferro nel 1835, il ponte è stato restaurato in cemento armato dopo essere stato distrutto da un alluvione a metà ottocento e successivamente per mano dei tedeschi durante la seconda guerra mondiale.

Articolo di GDavide Napolitano