Con il suo progetto “Jazz in Campania“, la XIX edizione del celebre Pomigliano Jazz Festival ci porta alla scoperta dell’Alto Nolano e del Parco Nazionale del Vesuvio.
Dal 10 al 20 luglio 2014, in programma una serie di itinerari turistici ed enogastronomici ad accesso gratuito, per conoscere due territori con numerose risorse preziose eppure ancora poco conosciute.

Giunti alla loro terza edizione, gli itinerari sono il frutto di una fitta rete di collaborazioni e partnership fra istituzioni, associazioni e aziende campane. Un buon esempio di sinergia tra pubblico e privato finalizzata alla valorizzazione di una regione ricca di eccellenze e, allo stesso tempo, di problemi che ne ostacolano lo sviluppo.

Il programma degli itinerari gratuiti esalta luoghi e temi cari all’ecoturismo, proponendo escursioni naturalistiche, trekking urbano nei borghi storici, promozione di prodotti tipici, da agricoltura biologica e di filiera corta.

Tour, escursioni e visite guidate nell’Alto Nolano

Panorama dell'Anfiteatro Romano di AvellaAvella conserva tracce del suo passato romano con il suo grande Anfiteatro, tra più antichi della regione, ed i resti di una necropoli con peculiarità architettoniche e antropologiche di grande rilievo.
Sabato 19 è previsto un tour con partenza in bus da Napoli che include le visite guidate all’Anfiteatro, alle tombe romane, al castello medievale che domina una delle sue colline e al noccioleto di Francesco Colucci, con degustazione a cura di Slow Food Agro Nolano di nocciole locali, i frutti che gli antichi Romani chiamavano non a caso “nux abellana”, ancora oggi annoverati tra i più pregiati d’Italia.

L’Anfiteatro, inoltre, sarà sede del concerto inaugurale del Festival, giovedì 10 luglio, con l’intramontabile George Benson, tra i massimi esponenti della black music.

Affresco-Basilica-San-Felice-Cimitile-(ph-Gianfranco-Adduci)Diverse sono le visite guidate alle Basiliche Palecristiane di Cimitile, bene archeologico, artistico e spirituale come pochi in Campania (e non solo), al quale Ecoturismo Campania ha già dedicato un articolo sulle tante storie e leggende legate al luogo.

Clicca qui per le ggere l’articolo “Le Basiliche Paleocristiane di Cimitile tra storia e misteri”

Le Basiliche di Cimitile saranno anche la sede del concerto del quintetto di Kenny Garrett, uno dei grandi del jazz mondiale, mercoledì 16 luglio.

Nell’Alto Nolano, domenica 20, tutti invitati all’escursione nella Foresta Regionale di Roccarainola, tra antiche neviere, la rigogliosa vegetazione del Parco del Partenio e gli splendidi panorami sulla piana campana.

Tour, escursioni e visite guidate nel Parco Nazionale del Vesuvio

Il Parco Nazionale del Vesuvio mette in mostra i borghi antichi di Sant’Anastasia, nota per l’antico culto della Madonna dell’Arco, e di Trocchia, nel comune di Pollena Trocchia, luogo ameno da secoli scelto per la villeggiatura dei nobili, dai patrizi romani ai notabili del Regno dei Borboni.

Panorama di Sant'Anastasia con il Santuario della Madonna dell'ArcoLa visita al centro storico di Sant’Anastasia (sabato 12) prevede anche un Laboratorio del Gusto con Slow Food Vesuvio sull’olio extravergine d’oliva. Il laboratorio è a cura di Alberto Marulli, dell’Azienda Agricola Monte della Torre, di Francolise (Caserta), vincitore del Premio BIOL 2014 per il miglior olio biologico al mondo.

La visita al borgo di Trocchia (sabato 12) include anche un’escursione sul percorso delle “briglie borboniche”, parte dei “Regi Lagni”, il grandioso sistema creato dai Borboni per incanalare le acque piovane in discesa dal Monte Somma.

Sempre sul Monte Somma, il versante meno noto del complesso Somma-Vesuvio, scopriamo due recenti scavi archeologici che integrano la storia della civiltà romana sepolta dalle eruzioni vulcaniche, finora legata soltanto al versante vesuviano con Pompei, Ercolano, Oplonti, Boscoreale e Stabia.

Scavi archeologici a Somma Vesuviana (ph Gianfranco Adduci)A Somma Vesuviana, sabato 19, si visitano i resti di un’imponente villa patrizia d’età augustea, da alcuni storici ritenuta il luogo “apud Nolam” dove, secondo Tacito, sarebbe morto l’imperatore Ottaviano Augusto.
Alla visita segue un Laboratorio del Gusto con Slow Food Vesuvio sugli Antichi Pomodori di Napoli, i famosi “pomodori san Marzano”, dal sapore straordinario e ottimi per la conservazione in barattolo, sull’orlo dell’estinzione un decennio fa ed oggi oggetto di recupero da parte della Regione Campania.

A Pollena Trocchia, martedì 15, si visitano invece i resti di un complesso termale, i cui scavi sono tenuti dal gruppo internazionale di archeologici dell’Apolline Project. Alla visita segue inoltre l’escursione ai Conetti Vulcanici in località Carcavone, antiche bocche effusive dell’antico Vulcano Somma da cui è nato millenni fa il Vesuvio, a cui Ecoturismo Campania ha già dedicato un articolo.

Clicca qui per leggere l’articolo “Escursione si conetti vulcanici di Pollena”

Ad Ottaviano, giovedì 17, prima del concerto di Tommaso Campanella & Javier Girotto, visita guidata al Palazzo Mediceo, prima castello medievale, poi residenza rinascimentale di un ramo della famiglia dei Medici e poi tristemente noto come quartier generale di Cutolo. Oggi è invece sede dell’Ente Parco del Vesuvio e simbolica porta di accesso ai sentieri del Parco.

Non potevano mancare, a questo proposito, due delle più belle escursioni sul Vesuvio, la Valle dell’Inferno e il Gran Cono.

Le "crisommole vesuviane"La Valle dell’inferno è la meravigliosa valle che separa il Vesuvio dalle creste del Monte Somma.
L’escursione è prevista domenica 13 all’interno di un tour con partenza in bus da Napoli. Il tour include anche una visita con Slow Food Vesuvio all’Azienda Agricola Mario Angrisani, la quale vanta da tre generazioni la più grande estensione di albicocche del Vesuvio ed una varietà propria, la “Vincenzo e Maria”. Segue degustazione di “crisommole” (le albicocche in dialetto) e dei pomodorini del piennolo del Vesuvio, a cura di Saverio Bifulco dell’azienda Eligo.

Panorama con la cresta del Monte Somma, Valle del Gigante e Valle dell'Inferno sul Vesuvio (ph Gianfranco Adduci)Gran finale del Festival sul Gran Cono del Vesuvio, per la prima volta in assoluto di un concerto sul cratere del vulcano più famoso al mondo, domenica 20 luglio.
Il live acustico del grande fisarmonicista Richard Galliano, ospite il sassofonista partenopeo Marco Zurzolo, sarà preceduto da un’escursione sul Gran Cono con le Guide Vulcanologiche del Vesuvio, sui tornanti con panorami da brivido sulla cima del Monte Somma, sul fiume di lava del 1944 e sul Golfo di Napoli.
Anche al Cratere del Vesuvio Ecoturismo Campania ha già dedicato un articolo.

Clicca qui per leggere l’articolo “Parco del Vesuvio, le escursioni sul cratere”

Gli itinerari enogastronomici continuano anche durante i concerti con l’iniziativa Note di Gusto.
In programma degustazioni proposte da chef campani a base di presidi Slow Food e prodotti dell’Arca del Gusto, ovvero prodotti tipici da salvaguardare, e stand di contadini locali, importanti custodi del paesaggio e della storia agricola della Campania.
Si mangia con stoviglie in plastica biodegradabile e compostabile e si usano contenitori per la raccolta differenziata.

Clicca qui per informazioni, programma e prenotazioni

Articolo di Gianfranco Adduci