Home Itinerari del Gusto A Vico Equense i prodotti naturali di vere “Donne di Terra”!

A Vico Equense i prodotti naturali di vere “Donne di Terra”!

Antonella Vanacore presso l'Agriturismo La Ginestra

Antonella Vanacore è una delle protagoniste della cooperativa La Ginestra, agriturismo nato intorno ad un’antica casa colonica di Santa Maria del Castello, una piccola frazione di Vico Equense con vista a strapiombo su Positano.

Anche Antonella ha aderito al progetto Donne di Terra, una serie di iniziative per raccontare la “resistenza contadina” in Campania e gli sforzi delle donne nel tutelare la biodiversità delle nostre terre.
Le socie della cooperativa La GinestraAssieme alle sue compagne di viaggio e di lavoro, Antonella Starace e Carmen Ciampa, da più di vent’anni fa accoglienza rurale sul territorio e si fa portavoce di un’agricoltura rispettosa e sostenibile.
Ventidue anni fa, con altre due famiglie desiderose di valorizzare il proprio territorio di origine, ho affrontato una sfida: far nascere dal nulla un agriturismo su una splendida terrazza sospesa tra cielo e mare, a Santa Maria del Castello. Il nostro desiderio era produrre cose buone e sostenibili, come il nostro miele, le nostre confetture, i nostri pomodori”. Così Antonella racconta l’inizio della sua avventura nelle pagine del calendario “Donne di Terra”. “All’epoca ero una giovane ragazza inesperta, come le altre socie della cooperativa, ma con il supporto dei nostri genitori ‘abili contadini’ – da cui abbiamo ereditato semplicità, genuinità e spirito di sacrificio – questo sogno è diventato realtà.

Tutte le produzioni sono state avviate secondo i criteri dell’agricoltura biologica. Da qualche anno, tuttavia, stanche del peso della burocrazia legata alla certificazione, molto gravosa per le piccole aziende agricole a conduzione familiare, Antonella e le sue socie hanno preferito rinunciare alle etichette del biologico e si autodefiniscono produttori “naturali”, perché rispettano la terra e i suoi cicli a prescindere dalle scartoffie.

Antonella Vanacore sulle colline di Vico Equense
Antonella Vanacore tra i campi dell’agriturismo La Ginestra (ph Alessandra Basile)

Antonella Vanacore dice di essere “contadina per caso, agricoltrice per scelta”. Quasi per caso, da giovanissima, si è trovata a continuare (in modo nuovo) le tradizioni dei genitori. Restare dentro questa storia di terra, sudore e fatica, invece, è stata una scelta. Una scelta forte. “Oggi sono mamma e donna consapevole di voler tramandare alle mie figlie i valori ed il rispetto per la terra a cui apparteniamo, per le tradizioni, per gli usi e i costumi della gente tra cui viviamo, che rende unico questo posto.

Antonella Vanacore e Antonellina
Antonella Vanacore con la figlia Antonellina (ph Alessandra Basile)

Ad Antonella alle volte pesa il fatto di non poter dedicare tutto il tempo che desidera alla sua famiglia, anche se suo marito Andrea la sostiene in tutto e per tutto e la aiuta anche col lavoro, quando può. Sia a Fortunata che ad Antonellina, i suoi gioielli, piace molto stare con la mamma al lavoro. Ma quella che sembra proprio una bambina nata nella terra è la piccola Antonellina, sguardo furbetto e sorriso divertente.

L'agriturismo La Ginestra a Vico EquenseMa Antonella Vanacore non tramanda le tradizioni contadine soltanto alle proprie figlie. L‘agriturismo La Ginestra, infatti, è anche una delle fattorie didattiche iscritte all’albo della Regione Campania. A bambini e genitori ama raccontare come ottengono i loro ortaggi da semi antichi, molti dei quali sono riprodotti direttamente dai loro orti, come quelli del fagiolo burrino, dei pomodori di Sorrento e delle melanzane cima di viola. Descrive con amore tutte le caratteristiche dei vari tipi di frutta coltivati dalla cooperativa, dalle mele annurche alle ciliegie morette. Illustra con passione le varie fasi della smielatura degli alveari che custodiscono sparsi nei loro campi. E non sono solo parole. Visite guidate ed escursioni con i bambini presso la Fattoria Didattica La GinestraSi organizzano visite guidate in campagna, dimostrazioni pratiche delle principali operazioni colturali, visite guidate tra gli animali della fattoria (pony, galline, polli, pavoni, oche, capre, pecore e pavoni), dimostrazioni interattive di trasformazione del prodotto agricolo (conserve, confetture e sottoli), lezioni di intreccio di cesti in castagno, lezioni-laboratorio di apricoltura, smielatura (da aprile a giugno) e manipolazione della cera.

Smielatura presso la cooperativa La GinestraIl miele della cooperativa, in particolare, è uno dei prodotti di punta dell’azienda agricola. Nel 2015 ha partecipato all’importante concorso Grandi mieli d’Italia, vincendo il premio Goccia d’oro sia per il miele millefiori che per il miele di acacia.
Tutte le produzioni sono in esposizione nell’agriturismo. Qui potrete gustare dei piatti a dir poco buonissimi, basati su verdure stagionali, raccolte freschissime dall’orto.
Lo chef Giovanni dell'Agriturismo La GinestraPiatti semplici e preparati secondo le tradizioni locali, come la pasta e fagioli con cotiche di maiale e gli scialatielli con pomodorino del Vesuvio, accompagnati da salumi e formaggi tipici come il rinomato Provolone del Monaco. A cucinarli è lo chef Giovanni, sempre allegro e sorridente: sarà anche per questo che è tutto così delizioso?

Panorama di Positano dall'agriturismo La Ginestra a Vico EquenseNell’agriturismo “La Ginestra” potrete anche restare a dormire, svegliandovi nel silenzio più assoluto, scegliendo se perdervi con lo sguardo sul golfo di Napoli o sulle creste della costiera Amalfitana. E magari, portandovi scarpe comode, potrete avviarvi lungo i tanti e bellissimi sentieri dei Monti Lattari, in particolare quelli verso Positano, dal celebre Sentiero degli Dei alle meno note Tese di Positano.
A poco più di trenta chilometri da Napoli, c’è un piccolo paradiso tutto da scoprire. Antonella è sempre lieta di aprirne le porte.

in copertina: Antonella Vanacore con le sue ciliegie morette (foto di Alessandra Basile)

Marialuisa Squitieri
Marialuisa Squitieri, medievista e contadina, si occupa di agricoltura sostenibile, alimentazione consapevole, gruppi di acquisto solidale ed enogastronomia. Ha aperto la prima bottega di vendita diretta di prodotti biologici a Napoli ed è tra le ideatrici del progetto “Donne di Terra”, dedicato ai temi dell’agricoltura ecosostenibile in Campania.